Chi si loda si sbroda

Molti avevano fatto notare il cattivo gusto dell’Ansa nell’autoincensazione per aver “bruciato” le altre agenzie nell’annuncio della morte del Papa. E avrei voluto vedere se ci fosse fatta fiocinare, su una cosa del genere, dall’AdnKronos o da ApCom…
Il brutto è che oggi non so se all’Ansa fa piacere comunicare di essere caduta per prima nella topica del secolo: aver confuso, nel testamento del Pontefice, la citazione del “Nunc dimittis” come relativa a un’inesistente ipotesi di dimissioni. In realtà, quelle parole del Cantico di Simeone fanno riferimento semplicemente al pensiero della morte. Nel Vangelo (e nella recita di compieta della liturgia delle Ore) l’antico sacerdote le rivolge a Dio dopo aver visto Gesù, e dice: “Ora lascia (nunc dimittis) o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la Tua Parola”.
D’altronde, la vittoria è di uno solo, la sconfitta è di nessuno…

Categorie Web