Nordest a venire

Non si finisce mai di imparare. Attraverso le ultime notizie sul Gazzettino da parte di cfdp (cos’č, uno scimmiottamento di Cips?), scopro un nuovo (per me) blog, Contrade a venire, ricco di riflessioni sul Nordest.
Ne traggo una bella frase riportata da una lettera di una ragazza, sibolo di un certo modo di pensare, vivere e lavorare che ha dato soldi ma non benessere al Veneto:

“Dunque secondo Marangoni (presidente dei giovani di Confindustria Veneto ndr) non servo alle fabbriche venete . Mi dispiace, ma da entrambi le parti perdiamo qualcosa. Non mi sento migliore di nessuno, ho ancora molto da imparare, ma so pensare. Adoro pensare. E quando non posso farlo mi sento frustrata. se questo non serve alle fabbriche venete, beh, č un problema anche delle fabbriche venete: forse sono le fabbriche venete a dover fare i conti con un diverso modo di pensare, un diverso modo di fare fabbrica veneta”

Annunci

Epperň!

Ho fatto una passeggiata per via XX Settembre.
Caspita! La Rambla di Trieste!