Un anno giusto (san) giusto

Da un anno lavoro a Trieste, pur mantenendo casa e famiglia a Venezia.
Ho un contratto adeguato, i miei sono sereni, sopravvivo: e questo è l’importante.
Poi qui ci stanno certi sciroccati… ma non è grave.
P.S.: lo scrivo oggi che è San Giusto, patrono dell’Alabarda.