The Unforgettable Fire

…Nei roghi di Parigi, quel che brucia č la “cittŕ”, la cittŕ come la concepiamo, la costruiamo, la viviamo noi in questo nostro Occidente, troppo pieno di pancia, troppo vuoto di cuore.
Brucia l’idea di un non-luogo, dove non si cresce, non si ama, non si vive insieme, dove si “sta”, e basta, in solitudine. Brucia l’idea che basti appena tollerare nuovi “abitanti”, senza che questi diventino cittadini, non solo accettando i doveri e acquistando i diritti che ne conseguono, ma assumendone la dignitŕ. E questo per ricordarci che due mesi fa, ben prima della rivolta parigina, tre interi palazzi, fatiscenti, inabitabili, fuori da ogni norma, sono andati in fumo, e con loro cinquanta vite di cittadini francesi dalla pelle scura, con il diritto di voto ma senza quello di una casa decente…


Dal blog dell’Azione Cattolica

Annunci