Marco Buzziolo, introducendo un servizio su un’operazione di polizia contro la pornografia on line:

“Il sito si chiamava Paprika online, ma non aveva niente a che fare con il piccante ingrediente del Goulasch ungherese…”

Di fronte a ciò , rimango basito.