Agh!

Un guasto alla scheda madre del pc fornitomi dall’Azienda (un portatile IBM Think Pad X31) mi lascia temporaneamente orfano di un giocattolino di casa.
Attendo sostituzione con altra macchina, su cui spero di inserire il disco fisso e non disperdere i dati finora accumulati…

Ma vogliamo scherzare?

Ma che cavolo vuol dire “Orgoglioso dei miei valori”? Quali valori? Quelli di chi vuole un regime totalitario? Va-lo-ri? Popolo?
Se le parole hanno un senso, bisogna dare senso alle parole.
Il signore si butti in politica, e non aizzi la folla esagitata per un pallone.
E pensare che stavo pensando a +10…

Troppa grazia…

La categoria è alla fame, e proclama due giorni di sciopero. Ma la società civile interviene a salvataggio del povero cronista fermo a casa.
Ieri, seduto sul divano, mentre meditavo sul futuro del giornalismo, ho ricevuto una telefonata dal Comune di Venezia, che (udite udite) mi ha PROPOSTO UN LAVORO! Per nove mesi, ma rinnovabile alla scadenza, presso lo sportello “Informahandicap”. Il tutto perché avevo partecipato a un concorso, quattro anni fa, nell’area comunicazione. La graduatoria era scaduta nel 2004 ma è stata rinnovata per altri 3 anni, quindi si apriva questo contratto.
Gentili. Ma nel frattempo sono accadute molte cose, e non credo che avrei accettato…
Cose che succedono quando c’è sciopero.

Marco Buzziolo, introducendo un servizio su un’operazione di polizia contro la pornografia on line:

“Il sito si chiamava Paprika online, ma non aveva niente a che fare con il piccante ingrediente del Goulasch ungherese…”

Di fronte a ciò , rimango basito.