Ha parlato dei Dico…

…o io ho letto un documento di un catto-comunista?
Giudicate voi:

Il culto gradito a Dio, infatti, non è mai atto meramente privato, senza conseguenze sulle nostre relazioni sociali: esso richiede la pubblica testimonianza della propria fede. Ciò vale ovviamente per tutti i battezzati, ma si impone con particolare urgenza nei confronti di coloro che, per la posizione sociale o politica che occupano, devono prendere decisioni a proposito di valori fondamentali, come il rispetto e la difesa della vita umana, dal concepimento fino alla morte naturale, la famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, la libertà di educazione dei figli e la promozione del bene comune in tutte le sue forme. (83)
Rivolgo pertanto un appello a tutti i fedeli ad essere realmente operatori di pace e di giustizia: « Chi partecipa all’Eucaristia, infatti, deve impegnarsi a costruire la pace nel nostro mondo segnato da molte violenze e guerre, e oggi in modo particolare, dal terrorismo, dalla corruzione economica e dallo sfruttamento sessuale ». (89)
Non possiamo rimanere inattivi di fronte a certi processi di globalizzazione che non di rado fanno crescere a dismisura lo scarto tra ricchi e poveri a livello mondiale. Dobbiamo denunciare chi dilapida le ricchezze della terra, provocando disuguaglianze che gridano verso il cielo. Ad esempio, è impossibile tacere di fronte alle « immagini sconvolgenti dei grandi campi di profughi o di rifugiati – in diverse parti del mondo – raccolti in condizioni di fortuna, per scampare a sorte peggiore, ma di tutto bisognosi. Non sono, questi esseri umani, nostri fratelli e sorelle? Non sono i loro bambini venuti al mondo con le stesse legittime attese di felicità degli altri? ». (90)
…ci obbliga a fare tutto il possibile, in collaborazione con le istituzioni internazionali, statali, private, perché cessi o perlomeno diminuisca nel mondo lo scandalo della fame e della sottoalimentazione di cui soffrono tanti milioni di persone, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo (91).
Le giuste preoccupazioni per le condizioni ecologiche in cui versa il creato in tante parti del mondo trovano conforto nella prospettiva della speranza cristiana, che ci impegna ad operare responsabilmente per la salvaguardia del creato (92).

Annunci

2 pensieri riguardo “Ha parlato dei Dico…

  1. Non è possibile un cattocomunista che ha parlato anche dei Dico? 😉
    Scherzi a parte, credo che Ratzinger stia smascherando i cattolici che si sono sempre protetti dietro l’ipocrisia della distinzione tra fede privata e azione politica pubblica. Solo che mi piacerebbe che lo facesse – per mera coincidenza – anche quando sono in discussione disegni di legge che non gli piacciono in Spagna, in Francia, in Polonia o in qualsiasi altro Stato in cui ci sono parlamentari cattolici.

  2. Io invece credo che questo documento (che è un’esortazione, non un’enciclica, è un riassunto dei temi emersi al Sinodo quindi ha valore pastorale e non dogmatico) stia sui valori generali e non si occupi d’Italia.
    In Spagna ci hanno pensato i vescovi spagnoli, come in Italia, per cose così, ci “pensa” la CEI.
    Ma, si sa, è facile fare d’ogni erba un fascio.

I commenti sono chiusi.