Un consiglio da amico (e collega)

Cari redattori e collaboratori dell’inserto Nova, vi consiglierei dal prossimo numero, nei vostri articoli, di evitare espressioni entusiastiche quali “La rete č sempre piů cosě e cosŕ…”, “sempre piů navigatori fanno questo o quello…”, “si vendono sempre piů cose…”, a meno che non siano supportate da cifre, meglio se contestualizzate (non numero di “cose” vendute, ma percentuale sul totale o trend di crescita e magari fatturati, ad esempio…).
Altrimenti comincio a considerare tale inserto come uno dei paginoni di Corriere e Repubblica, con quei begli articoloni che indicano le “tendenze” che non esistono.
In pratica non vorrei definirvi come dei bei marchettoni.
E non voglio nemmeno per sogno ipotizzare che l’enfatizzazione su uno dei tanti convegni sull’innovazione sia condizionata dal paginone pubblicitario in fondo al fascicolo.
Non voglio nemmeno essere sfiorato dal pensiero.

Annunci

One thought on “Un consiglio da amico (e collega)

I commenti sono chiusi.