A margine della Cena Blogger

Vedo per la prima volta Simone, dopo averlo letto per la prima volta almeno quattro (?) anni fa, con gentile moglie. Tra l’altro credo sia stato lui il “grado di separazione” tra me e Paolo.
Come trovare un vecchio amico che non si fa sentire da un po’ (infatti blogga poco).
Mi raccontano della loro figlia grande (già 19? ma sono ragazzini, loro…) che ha una dimestichezza intelligente con il computer, ed è scoraggiata dall’inedia dei suoi professori. Loro l’hanno spinta a fare una presentazione su PC di quel che ha studiato, lei ha replicato che i suoi prof manco sanno cosa sia.
Mi vengono in mente i miei piccoli che sanno già scherzare con la trackball, altroché mouse. E mi viene lo sconforto.
E tu falla lo stesso la presentazione, che ti frega. E’ il tuo valore aggiunto. E’ l’innovazione che porti avanti tu, senza appiattirti sugli obiettivi brevi di questa scuola disastrata.
Magari poi inventi un dessert come “Passione per la rete“…

Annunci

2 pensieri riguardo “A margine della Cena Blogger

  1. Caro Andrea,
    E’ che non abbiamo fatto in tempo a raccontarti degli altri due 😉
    Allo Zenacamp si sono fatti notare per la loro familiarità con il computer (http://farm1.static.flickr.com/188/478103062_b82b860b67.jpg?v=0), e il più piccolo, per ringraziare di una pin che gli hanno dato: “Guarda! è la spilletta di firefox!”.
    Che dire, la scuola non è all’altezza di gestire le competenze dei ragazzi di oggi, ma anche le risorse tecnologiche che ha a disposizione sono limitate.
    Comunque, approfitto di questo spazio per dire che la cena dall’Amelia è stata super, sia per i piatti che abbiamo potuto gustare, sia per l’occasione di incontro, sia per la bellezza delle storie che ci ha raccontato Marco, splendido ospite. Alla prossima!

I commenti sono chiusi.