Meglio volontario o pagato?

Il collega udinese Tommaso Cerno tiene un blog sul sito del suo giornale, il Messaggero Veneto. Ho conosciuto Tommaso da poco tempo, complice una sfortunata (per me) cena a Trieste. So che ha (o aveva) un blog “unofficial” su Splinder, ma non so ritrovarlo.
Nel blog sotto la sua testata dà prova di una sua originale e informata analisi della politica del Fvg – argomento che segue per lavoro – ma non disdegna riflessioni sulla Rete, come nel post che ho linkato. Peccato che sia necessario registrarsi a Kataweb per commentare.
Pare che la direzione aziendale abbia proposto ai propri redattori e collaboratori di avviare dei blog nei siti delle proprie testate, su base volontaria. Tommaso ha detto sì, assieme a Roberto Weber sul sito del Piccolo: pare che i giornalisti triestini abbiano risposto con un bel “No se pòl!”. A meno di non venire pagati. Risposta dell’editore: ciccia!
E’ che non lo trovo, ma vorrei confrontare il blog ufficiale di Tommaso con quello pseudonimo, e mi chiedo: meglio spontaneo o retribuito?

Attenti a Fest

Nonostante la sua indole sonnacchiosa, Trieste può ospitare cose carine, come Fest, sorta di Salone specializzato del libro e dell’editoria scientifica.
Visti i “geek” in città, c’è già una webradio, per fortuna senza Bordone e Sofri, con un ricco database al suo interno.
Tra gli appuntamenti di domani, segnalo il convegno “Le città illuminate” moderato dal mitico Luca De Biase.
Ci scapperà una cena blogger pure qui?