A proposito di ingerenza

“Ma si deve rilevare, purtroppo, una sempre maggiore marginalizzazione di un’autentica azione politica. Il progressivo sviluppo della socialità e il tumultuoso svilupparsi delle soggettività nel campo privato e pubblico hanno portato a coltivare più l’interesse immediato dei particolarismi che il bene comune, con una conseguente gestione riduttiva della politica. Anziché un inserimento vivo e costruttivo delle formazioni sociali intermedie nel complessivo contesto della vita pubblica organizzata si è progressivamente realizzata una privatizzazione del pubblico. Così, di fronte ad una società proliferante, lo Stato è divenuto sempre più debole: affiora l’immagine di un insorgente neo-feudalesimo, in cui corporazioni e lobbies manovrano la vita pubblica, influenzano il contenuto stesso delle leggi, decise a ritagliare per il proprio tornaconto un sempre maggiore spazio di privilegio”.

Il cristiano non può accontentarsi di enunciare l’ideale e di affermare i principi generali. Deve entrare nella storia e affrontarla nella sua complessità, promuovendo tutte le realizzazioni possibili dei valori evangelici e umani della libertà e della giustizia. In questo la Chiesa e i cristiani si fanno “compagni di strada” con quanti cercano di realizzare il bene possibile.
In particolare il cristiano laico è chiamato, sotto la propria responsabilità, non solo a inserire le sue esigenze etiche nella storia, ma anche a far fiorire la città dell’uomo attraverso la sua professionalità, la sua testimonianza e l’impegno alla partecipazione, come pure attraverso una legislazione adeguata e una conseguente fedeltà ad essa.

CEI, Nota pastorale Educare alla legalità.
1991

Annunci

Odissee Millemiglia

Per carità, volo poco, ma non avevo mai fatto finora l’esperienza Alitalia.
Ieri, tornando da Bruxelles, è stato il battesimo del fuoco.
Per il rientro da un finesettimana nella capitale belga, avevamo trovato un volo pomeridiano della nostra bella compagnia di bandiera, con transfer a Milano Malpensa.
E vabbè: da BRX a MXP regolare, snack pessimo, ma personale gentile. Un po’ di ritardo… ma tollerabile.
Allo scalo lombardo, la sorpresa: volo per Venezia cancellato.
Tengo presente che siamo in 5, due adulti e tre piccoli.
Ok, niente panico: andiamo al banco transfer, e ci assegnano il volo per… Trieste. Lì ci sarà un bus per rientrare a Tessera.
Forza e coraggio, dài. Al gate ovviamente altro ritardo.
Saliamo a bordo. Nulla.
Tutto fermo. Perché?
Perché nel transfer si sono persi… due giapponesi, che evidentemente avevano deciso di usare qualcos’altro.
Ovviamente a bordo si mugugna. Qualcuno dice che la colpa è tutta di Alitalia che ha deliberatamente deciso di annullare il volo. Una cosa che, verso Nordest, pare frequente, ma soprattutto a danno di Trieste. Invece stavolta è toccato a Venezia.
Si parte così un’ora e 40 dopo il previsto.
A Ronchi dei Legionari, bus, e si arriva a Tessera all’una e mezza.
Saremmo dovuti arrivare alle nove e mezza.
Poi uno dice che Alitalia sta in bolletta. Ci sarà un perché, no?