Non si interrompe così un’emozione

Adinolfi (chi? Adinolfi…) si candida alle primarie del Partito Democratico credendo di portarsi dietro la blogosfera, e Luca Sofri, Ivan Scalfarotto e iMille (sito down) lo lasciano a terra…
UPDATE 19/7: Wittgenstein dice che non si tratta di una cosa traumatica, perché una scelta personale è una scelta, e iMille (rifunziona il sito) puntano a quello che una volta si diceva “lobbying”. Buono, ma sempre lobby è.
Rimane l’impressione di una cosa arzigogolata. Vabbè valorizzare i giovani, ma questi “giovani” sembrano cresciuti a pane e politichese. Lingua molto vecchia, anzichenò.