Primi segnali di scaricamento

“Treviso è molto conosciuta in Italia per varie ragioni, ultimamente anche per il sindaco, la qual cosa per la verità non mi inorgoglisce tanto”.


Lo ha detto Luciano Benetton, oggi.

Annunci

Radici che si estirpano

No, non sono d’accordo con chi ha tratteggiato la figura di Luciano Pavarotti come di una di quelle retrive “cartoline italiane” buone solo per gli emigranti o la bassa cultura popolana.
Pavarotti è stato il più grande epigono di una tradizione di cantanti – di cui i tenori sono le “star” – che tramandano la cultura altissima della musica lirica, questa sì “Made in Italy”. Una cultura musicale nobile, con esponenti quali Verdi, Puccini, Rossini, che rimanda alle vicende storiche del Risorgimento e della nascita dell’Italia. E spero ci siano suoi eredi.
Sono le nostre radici. E lasciamo stare le intrusioni nel pop; o forse, diamo atto a Pavarotti di aver nuovamente resa popolare la lirica. Mia nonna sapeva a memoria le arie delle Opere, questa era la sua cultura di matrice popolare.
Noi abbiamo i Finley, e questa sarebbe la nostra?

Solidarietà a Lirio

Non conosco di persona Lirio Abbate perché la nostra agenzia è ramificata ovunque ed è una sorta di “famiglia allargata”. E’ un cronista, non una “firma”, solo una persona alla ricerca di notizie
Qualcuno, a Palermo, lo conosce, lo odia e lo ha messo nel mirino per quello che scrive, o meglio, per ciò che vede, sa e non ha paura di riferire.
Domani a Palermo ci sarà una manifestazione di solidarietà della categoria. Dici: bravo, visto che ti minacciano da vicino. Bè, io penso alle tante mafiette che ci stanno intorno, di cui mi impegno a dare notizia.
Se volete dare un segno di solidarietà scrivete pure ad ansa punto palermo at ansanet punto it.