Da blogger a Udine: riflessione

Ovviamente, non posso prescindere del tutto dal mio essere giornalista, ma faccio qualche considerazione dalla mezza giornata passata all’Assemblea dell’ARE da “cittadino qualunque dotato di tecnologia”.
A parte le osservazioni critiche che ho già fatto sulle dotazioni tecniche della sede congressuale, ho cercato di vedere com’è un’assemblea politica di un’organizzazione singolare, vista senza l’assillo della notizia.
A parte che la notizia del giorno l’avevo già data (la classe non è acqua…), devo dire che la varietà di “roba” e di discussioni è talmente frammentaria che uno che frequenti cose come questa senza uno scopo specifico ci si perde.
Così ho guardato un po’ in giro, ho fatto qualche foto, guardato di cattivo occhio dai fotografi ufficiali. Avrei voluto vedere Illy alle prese con un’intervista col telefonino, ma il suo portavoce lo marca stretto…
Oggi c’era una sessione plenaria con varie discussioni, l’adozione di risoluzioni, un premio alla comunicazione, due “lezioni”, più tre firme di accordi tra FVG e contee romene. Uno non ci si racapezza.
A prescindere dalla natura dell’evento, l’idea di invitare blogger non credo possa essere solo un mero “diversivo” per fare notizia. L’esperienza americana e quella europea dice che si può fare una scelta oculata a seconda degli eventi, per averne una lettura da angoli diversi, con la capacità di un’analisi più pacata rispetto a quella dei giornalisti ma allo stesso tempo “in tempo reale”.
Dall'”esterno” ho notato che i giornalisti non prestano attenzione all’evento clou in sala, basandosi sui resoconti dell’ufficio stampa, anche perché in sala non era possibile stare nemmeno con un pc attaccato alla spina elettrica. Così quelli che davvero seguivano i lavori erano pochi, il resto correva per corridoi.
Ok, l’evento politico spesso si consuma nei corridoi, ma questo non era il caso. Meglio essere testimoni diretti di quel che si dice, almeno qui.
Voi che ne dite?

Annunci
Categorie Web

Messieur Matvejevic

“Parlo in nome della pluriidentit, ho vissuto la pluralit dell’identit”.
Per cui ha gi pubblicato sui giornali la relazione in italiano, e oggi parla in francese!

Predrag Matvejevic
Categorie Senza categoria

Il brutto di Internet

In sala stampa WLAN a 100 mega, spine elettriche. Non c’ una tv per la diretta (e nel web non funzia niente)…
In aula traduzione simultanea, niente wifi e niente elettricit.

Categorie Senza categoria

L’eco dei fatti di Roma

Durante la sessione mattutina dell’Are stato proposto un emendamento alla dichiarazione sulla Politica comunitaria, che recita cos:

“I fatti in Italia e Romania, ai primi di novembre 2007, riguardanti la comunit di Roma, dimostrano sia l’importanza dei principi enunciati in questa dichiarazione che il bisogno urgente di un’azione coordinata fra tutti i livelli di governo. Molte minoranze etniche sono presenti in numerosi Paesi europei. L’Europa deve quindi prendere l’iniziativa e incoraggiare la cooperazione tra tutti i Paesi e tutti i livelli: regionale, nazionale ed europeo”

Tabellone
Categorie Senza categoria

All’ARE

Eccomi qui live blogging from Fiera di Udine per l’assemblea annuale dell’ARE.
Mi sono messo in fila ordinatamente alla registrazione, senza usare il corridoio privilegiato della stampa.
Una gentile signorina aveva il mio badge e m’ha dato tutto il materiale.
Fila alla registrazione
Tutto inneggia “illyanamente” all’armonia delle diversit.
La struttura della kermesse a met tra istituzionale e fieristico. Le sessioni politiche dell’ARE stamani sono riservate e a porte chiuse. C’ per un Open Space dove sar possibile incontrare gente, vedere “robe”, ascoltare dibattiti e i discorsi in uno “speaker’s corner”.
Open space
Tutte le foto qui

Categorie Senza categoria