Il giornalismo d’inchiesta non è mai esistito. In Italia.

Se “riveli” particolari di inchieste giudiziarie, non stai facendo un’inchiesta, ma sei la buca delle lettere della Procura. O degli avvocati. O delle parti civili. Non stai facendo un’inchiesta.

Se pubblichi “esclusive” su indagini, sei un cronista di nera che riferisce quel che gli dicono gli investigatori. Non stai facendo un’inchiesta

Se anticipi i contenuti di questo o quel provvedimento politico, magari definendolo una “porcata”, sei megafono della maggioranza o dell’opposizione che ti hanno passato la notizia. Non stai facendo un’inchiesta.

Se racconti “una storia”, non stai facendo un’inchiesta.

Se fai un “viaggio” fai un reportage, non un’inchiesta.

Se esprimi la tua opinione, non fai inchiesta. E nemmeno il giornalista, ma l’opinionista.

Nei giornali-telegiornali-siti italiani c’è tutto questo, più una discreta quantità di imprecisioni e bufale. Non “giornalismo d’inchiesta”.

E forse non c’è mai stato.

Annunci